C’ERA UNA VOLTA……RACCONTAMI UN FORMAGGIO

203
CUENTAME UN QUESO

In Spagna il Covid ha fermato le degustazioni collettive ma non l’attività promozionale, che anzi ha dato vita a nuove forme di comunicazione per coinvolgere i consumatori più attenti.

Francisco de Asís Ruiz Morales – Direttore Regionale dell’Associazione Internazionale del Caprino (IGA) in Europa Occidentale.

C’era una volta … l’inizio di molte storie popolari è stato il punto di partenza di Cuéntame un queso, un’esperienza emozionale in cui si mescolano formaggio, letteratura e vino.

Il formaggio ha bisogno di una storia, un racconto per descrivere come sono gli animali, da dove proviene il latte, di quali pascoli e foraggi si nutrono, cosa dà al latte quel pascolo, come arriva il latte al caseificio e come, grazie alla maestria, a volte magica, il maestro o il casaro trasforma il latte in formaggio.

Ma questo racconto lo miglioriamo se ad esso possiamo unire altre storie e altri compagni di viaggio come i vini.

Cuéntame un queso è iniziato alla fine del 2019, quando un narratore pluripremiato e un esperto assaggiatore di formaggi hanno deciso di realizzare un progetto insieme in cui la loro maestria si univano la narrativa orale e i formaggi di qualità.

CUENTAME UN QUESOUn progetto che vuole mettere insieme la letteratura sotto forma di poesia, leggende, storie … e i formaggi con i loro rispettivi abbinamenti.

Tutti uniti in una trama in cui le strizzatine d’occhio, i sorrisi e le combinazioni fanno vivere allo spettatore momenti unici.

La prima esperienza è stata dedicata alle Isole Canarie di Lanzarote, dove i formaggi di capra Majorera e di pecora Canaria sono stati abbinati a vini autoctoni come Malvasía vulcanica o Listán Negra.

DEGUSTACIONESFormaggi stagionati di capra, formaggi di pecora e per finire uno di mix (capra e pecora) sono stati abbinati rispettivamente con un bianco semi-dolce di Malvasía Volcánica e Moscatel, un rosato di Listan Negra e per finire una marmellata fatta con vino di Malvasía vulcanica.

Dopo una presentazione tra versi e risate, è stato realizzato il primo abbinamento tra il formaggio di capra stagionato e il vino bianco semi-dolce, un abbinamento guidato dal degustatore che i partecipanti hanno giudicato eccellente: la freschezza del vino ha contrastato efficacemente la prima sensazione di tipica lieve secchezza dei formaggi di capra stagionati.

Nel caso di aromi e sapori, il fruttato, insieme alle note dolci fornite dal vino, ha aperto la strada alla leggera acidità del formaggio di capra, offrendo un abbinamento spettacolare in cui nessuno dei due prodotti ha prevalso sull’altro.

La leggenda di Ico, che racconta la storia di una principessa aborigena dell’isola di Lanzarote, ha lasciato il posto al secondo degli abbinamenti: formaggio di pecora stagionato con vino rosato.

Come nel precedente abbinamento, la freschezza del vino rosato è stata il contrappunto per l’alta maturazione del formaggio, sebbene in questo caso l’evidente acidità del vino abbia superato gli aromi e i sapori del formaggio.

La storia di Dolores, Taro e del nonno Eugenio nella metà del secolo precedente, in cui l’agricoltura, l’allevamento e la pesca erano il sostentamento del popolo di Lanzarote, hanno aperto le porte al terzo e ultimo degli abbinamenti, in questo caso uno stagionato misto capra e pecora con una marmellata di vino Malvasia Volcánica.

Un’esplosione di sapori per quest’ultima combinazione, in cui le note aromatiche dell’uva e il tocco agrumato del limone, presenti nella ricetta, si sono fuse con questo formaggio molto equilibrato.

L’ultima storia, dedicata ad uno dei più grandi mangiatori di formaggi, il topo, ha dato il tocco finale a questa esperienza.

Una premiere online imposta dal COVID 19 in cui è più difficile interagire con il pubblico che, invece, ne avrebbe tratto più giovamento se l’incontro fosse avvenuto in un locale chiuso.

Raccontami un formaggio è un progetto sensoriale che ha iniziato il suo percorso in questo luglio 2020 ma che si trasformerà nella Leggenda di un formaggio, una storia e tutte le fate e gli elfi che entrambi nascondono.

Grazie a Finca de Uga, Bodegas Vega de Yuco, Mermeladas Lala, CulturArrecife e al commercio locale dell’isola di Lanzarote per aver contribuito a rendere questa prima edizione un successo.